Campania IGP Bianco "'E Magliole" 2021 Cantine Matrone

SKU: 437
Campania IGP Bianco "'E Magliole" 2021 Cantine Matrone

Campania IGP Bianco "'E Magliole" 2021 Cantine Matrone

SKU: 437
Prezzo di listino €17,00 Prezzo scontato €14,50 - €2,50
/

  • Spedizione in tutto il mondo
  • Reso gratuito
  • Pagamenti sicuri
  • Magazzino basso, 1 articolo rimasto
  • Inventario in arrivo
Imposte incluse. Spedizione calcolata alla cassa.

Caratteristiche

Denominazione: Campania IGP
Annata: 2021
Regione: Campania
Tipologia: Bianco
Vitigni: Caprettone 90%, Falanghina 10%
Colore: Giallo paglierino intenso
Profumo: Intenso e complesso lo spettro odoroso che vira da nuances fruttate a sbuffi minerali e speziati
Gusto: Mineralità, sapidità, freschezza
Gradazione: 12,5%
Temperatura di Servizio:
8/10°C
Formato: Bottiglia 75 cl

Scheda Tecnica di Fermento24

Vigneti: Vigne allevate a guyot di c.a 25 anni su terreno vulcanico
Vinificazione: Fermentazioni spontanee e macerazione fermentativa
Affinamento: Maturazione per 12 mesi
Filosofia Produttiva:
Vini Naturali

Descrizione del Campania IGP Bianco "'E Magliole" 2021 Cantine Matrone

Il Campania IGP "'E Magliole" è un blend di Caprettone al e Falanghina coltivate esclusivamente nei vigneti dell'azienda Cantine Matrone. Al fine di mantenere una pura espressività del Territorio, questo vino non subisce trattamenti di stabilizzazione.
Il Campania IGP Bianco ha un colore paglierino lucente con piccole sfumature dorate. Il naso è davvero interessante per questo vino ottenuto quasi totalmente da caprettone e un piccola percentuale di falanghina: frutti gialli di primo impatto, pesca e melone di pane su tutti, nocciola e fieno entrano in gioco poco dopo. Il gusto è perfettamente equilibrato, con discreta acidità e sapidità e ottima morbidezza. Fine e persistente il finale leggermente di mandorla.

Produttore: Cantine Matrone

La famiglia Matrone fin dal XVIII secolo è dedita alla coltivazione della vite e alla produzione del vino. I cugini Andrea Matrone, enologo, e Francesco Matrone, notaio, hanno oggi ripreso la coltivazione della vite nelle antiche terre di famiglia ed hanno riportato in vita le vecchie cantine in cui fin dalla fine del ‘700 i Matrone producevano un apprezzato vino. Andrea è così ritornato dopo numerose esperienze enologiche tra Australia, Nuova Zelanda, Sicilia e Cilento in patria natia e insieme a Francesco ha dato vita ad un nuovo progetto, fondato sul rispetto della territorialità.
Vedi produttore

Perfetto da bere con

Involtino di pesce spada e gamberone

Sauté di vongole

Cernia al forno con patate